Blog: http://AntifascismoResistenza.ilcannocchiale.it

Una Piazza R(esistente).

 on l’insurrezione popolare e la  lotta che vide combattere fianco a fianco uomini e donne, operai e intellettuali, studenti, contadini eliberi professionisti di diversa fede politica e religiosa, il 25
Aprile 1945, l'Italia conquistava la democrazia liberandosi cosi dall'occupazione nazifascista.
Una democrazia fondata sulla pace, la partecipazione dei cittadini, illavoro, la solidarietà, il rifiuto di discriminazioni, l’uguaglianzanei diritti e nei doveri.
La stessa Costituzione repubblicana, una conquista politica, civile e sociali senza precedenti, resta intimamente legata a quegli eventi del periodo 1943-45, senza i quali non avremmo avuto nè Repubblica, né Costituzione, nè uno sviluppo, nella libertà e nella pace.
Oggi l'Italia sta per correndo nuovi pericoli. Una campagna di denigrazione della Resistenza  in atto  con il tentativo non solo di riscrivere la storia, ma di attaccare le conquiste della Costituzione.
Al valore e al significato del 25 aprile niente può togliere una politica revisionistica che tenta, al servizio di ben individuati obiettivi politici, di svalutare l’antifascismo e la Resistenza attraverso assurde rivalutazioni di un regime infausto che la storia ha condannato in modo inappellabile.
A questa deriva si deve reagire con forza e determinazione in primo luogo in nome di un valore immenso e irrinunciabile, quello della verità e della memoria storica.
Lo stesso riemergere violento di formazioni politiche o pseudoculturali che si richiamano esplicitamente al fascismo e al nazismo, devono non solo preoccupare tutte quelle persone che si
richiamano ai valori sanciti dalla nostra Costituzione repubblicana, ma anche promuovere una riflessione e una mobilitazione contro questa pericolosa deriva.
Gruppi neofascisti portatori di un modello di società e di città, che fanno dell'emarginazione, della paura del diverso, dell’intimidazione e della violenza la propria cultura e il proprio stile di vita, non
sono infatti accettabili da una comunità civile figlia di un popolo che ha sacrificato la propria vita  per la libertà di tutti.
Il Circolo Culturale Arci Aurora invita quindi, le associazioni e i cittadini di ogni etnia e condizione a partecipare alle iniziative istituzionali organizzate per celebrare questa storica data, confermando l’esigenza di far vivere, oggi pi che mai, gli ideali della Resistenza, che costituiscono i valori fondanti della nostra democrazia.
Il Circolo Culturale Aurora inoltre invita tutti  Sabato 25 Aprile 2009 presso i locali del Circolo ( Piazza Sant Agostino ad Arezzo ),  per un pomeriggio all’insegna della memoria, per un futuro di libertà, giustizia e pace.

Pubblicato il 21/4/2009 alle 21.49 nella rubrica Comunicati stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web