Blog: http://AntifascismoResistenza.ilcannocchiale.it

Radu Lecca

 

Nato 1902 fu un personaggio centrale nel progetto di distruzione degli Ebrei romeni. Fu un fervente nazista e - probabilmente - una spia stipendiata da Berlino.
Già nel 1935 era corrispondete per diversi giornali tedeschi come il Volkischer Beobachter e l'agenzia di stampa tedesca Deutsches Nachrichtenbüro.
Fece anche parte del partito antisemita fondato da Alexandru Cuza. Sin dal settembre 1940, quando il Maresciallo Antonescu spodestò il re Carol II venne nominato capo della segreteria del Primo ministro.
Per un certo periodo fu anche capo dei servizi di sicurezza.
Dopo l'eliminazione dal governo della "Guardia di Ferro" venne nominato ufficiale di collegamento con l'ambasciata tedesca. Nell'ottobre 1941 venne nominato plenipotenziario per la questione ebraica in Romania. In questo incarico lavorava a fianco a fianco con Gustav Richter (l'SS inviata da Eichmann in Romania per predisporre la deportazione degli Ebrei) e agli ordini del ministro degli interni Miahi Antonescu.
Controllava l'attività dell'organo di "autogoverno" degli ebrei, la "Centrala" e sovrintendeva alle deportazioni degli Ebrei verso la Transnistria. Nell'estate del 1942 un suo burrascoso incontro a Berlino con i responsabili per la deportazione del ministero degli Esteri nazista fu il prretesto per una svolta. Il governo Antonescu infatti bloccò il piano di deportazioni che avrebbe dovuto iniziare il 15 settembre 1942. Lecca continuò a collaborare con Richter ma con sempre meno entusiasmo. Soprattutto venne utilizzato per inviare informazioni inesatte ai tedeschi che si fidavano di lui.
Lecca si arrichì con i beni sequestrati agli ebrei e fu l'organizzatore della deportazione in Transnistria che causo centinaia di migliaia di morti.
Arrestato dopo la guerra venne condannato all'ergastolo ma liberato dopo pochi anni.
Morì nel 1980.

Pubblicato il 2/4/2008 alle 14.22 nella rubrica Criminali Condannati.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web