Blog: http://AntifascismoResistenza.ilcannocchiale.it

Zydowski Zwiazek Walki

 La Zydowski Zwiazek Walki (ZZW, termine polacco per Unione combattente ebraica) è stata una organizzazione clandestina di resistenza ebraica che operò durante il secondo conflitto mondiale nell'area del ghetto di Varsavia e prese parte alle operazioni militarti durante la rivolta del ghetto contro le truppe naziste.

La ZZW venne fondata nell'ottobre-novembre 1939 dopo l'invasione tedesca della Polonia da membri dei partiti di destra revisionisti prebellici come il Betar e l' Hatzohar.

La ZZW si occupò, dalla sua fondazione, del reperimento di armi ed aiutando gli ebrei a fuggire illegalmente dal ghetto. Inoltre mantenne rapporti con la resistenza polacca dell' Armia Krajowa che spesso la aiutò nel reperimento di armi e munizioni ed inoltre organizzò diverse fughe di ebrei. In diverse occasioni la ZZW, di ispirazione nazionalista, ebbe attriti con un altro movimento clandestino ebraico, la Zydowska Organizacja Bojowa formata principalmente da appartenenti ai movimenti giovanili di ideali socialisti.

Il comandante della ZZW fu probabilmente Dawid Wdowinski, anche se la mancanza di documenti e fonti ci impedisce di affermarlo con certezza. Il movimento era organizzato in diversi dipartimenti:

Durante la rivolta del ghetto di Varsavia, pare che lo ZZW avesse circa 400 combattenti bene armati raggruppati in 11 unità. Lo ZZW combatté insieme ai militanti dell'AK in via Muranowska (4 unità sotto Frenkel). Dawid M. Apfelbaum prese posizione in via Mila. Il gruppo di Heniek Federbusz organizzò una forte sacca di resistenza in una house vicino a via Zamenhoff. L'unità di Jan Pika prese posizione in via Mila, mentre l'unità di Leizer Staniewicz combatté nelle vie Nalewki, Gesia and Franciszkanska. Il gruppo di Dawid Berlinski prese posizione nella seconda parte di via Nalewki. Roman Winsztok commandava il gruppo vicino a via Muranowska, dov'era situato anche il quartier generale dell'Unione (via Muranowska, 7/9).

Pubblicato il 26/3/2008 alle 14.30 nella rubrica Altre Resistenze.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web