.
Annunci online

AntifascismoResistenza
24 marzo 2008
Pietro Pappagallo
 

Pietro Pappagallo (Terlizzi28 giugno 1888 – Roma24 marzo 1944) è stato un presbitero e antifascista italiano.

È noto principalmente per il suo impegno - durante la Seconda guerra mondiale - nel fornire ausilio alle vittime del nazi-fascismo.

Giunto a Roma nel 1925, don Pappagallo fece parte del Collegio dei Beneficiati della Basilica di Santa Maria Maggiore e padre spirituale delle Suore di Gesù Bambino di via Urbana; fu anche vice parroco della Basilica di San Giovanni in Laterano e segretario del cardinale Ceretti.
Durante l'occupazione tedesca, il sacerdote si impegnò nel fornire aiuto a soldati, partigiani, alleati, ebrei ed altre persone ricercate dal regime.

Il 29 gennaio 1944, il sacerdote fu arrestato dalle S.S.. Condannato a morte, fu giustiziato il 24 marzo 1944 alle Fosse Ardeatine. Alcuni testimoni hanno riferito che, anche durante il periodo della prigionia, don Pappagallo condivise il proprio pasto con altri ristretti che non avevano ricevuto cibo.

Targa dedicata a Don Pietro Pappagallo, nella casa in cui visse a via Urbana, Roma:IN QUESTA CASA NEL TEMPO BUIO DELL'OCCUPAZIONE NAZISTA RIFULSE LA LUCE DEL CUORE GENEROSO DI DON PIETRO PAPPAGALLO TERLIZZI (BARI) 28·6·1888 ROMA FOSSE ARDEATINE 24·3·1944 ACCOLSE CON AMORE I PERSEGUITATI DI OGNI FEDE E CONDIZIONE CADDE NEL SEGNO ESTREMO DELLA REDENZIONE E DEL PERDONO DI DIO  IL COMUNE DI ROMA POSE NEL 53 ANNIVERSARIO DELL'ECCIDIO PER RICORDARE CHE I CADUTI PER LA LIBERTÀ SONO LE VIVE SEMENTI DI UNA UMANITÀ MIGLIORE
Targa dedicata a Don Pietro Pappagallo, nella casa in cui visse a via Urbana, Roma:
IN QUESTA CASA
NEL TEMPO BUIO DELL'OCCUPAZIONE NAZISTA
RIFULSE LA LUCE DEL CUORE GENEROSO DI

DON PIETRO PAPPAGALLO
TERLIZZI (BARI) 28·6·1888
ROMA FOSSE ARDEATINE 24·3·1944

ACCOLSE CON AMORE I PERSEGUITATI
DI OGNI FEDE E CONDIZIONE
CADDE NEL SEGNO ESTREMO
DELLA REDENZIONE E DEL PERDONO DI DIO

IL COMUNE DI ROMA POSE
NEL 53 ANNIVERSARIO DELL'ECCIDIO
PER RICORDARE CHE I CADUTI PER LA LIBERTÀ
SONO LE VIVE SEMENTI
DI UNA UMANITÀ MIGLIORE

Giovanni Paolo II, in occasione del giubileo dell'anno 2000, ha incluso don Pietro Pappagallo tra i martiri della Chiesa del XX secolo.

In sua memoria, il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha conferito, 13 luglio 1998, la medaglia d'oro al merito civile:

Medaglia d'oro al merito civile

«Sacerdote della Diocesi di Roma, durante l'occupazione tedesca collaborò intensamente alla lotta clandestina e si prodigò in soccorso di ebrei, soldati sbandati, antifascisti ed alleati in fuga dando loro aiuto per nascondersi e rifocillarsi. Tradito, fu consegnato ai tedeschi, sacrificando la sua vita con la serenità d'animo, segno della sua fede, che sempre lo aveva illuminato.»


— Roma, 24 marzo 1944




permalink | inviato da Anpi Giovani Arezzo il 24/3/2008 alle 21:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE